Skip to content

Kringle con pesto di zucca

[printfriendly]

kringle pesto di zucca 2I buoni propositi per l’anno nuovo. In queste settimane un po’ ovunque si leggono liste di buoni propositi per l’anno a venire. Voi ne avete stilata una? Io devo confessarvi che a questo genere di cose credo poco.
O meglio, penso sia importante porsi degli obiettivi per darsi una prospettiva di ciò che vogliamo essere e fare nel divenire ma, per quanto mi riguarda, alle interminabili liste di propositi (che ammettiamolo, spesso rimangono disattesi), preferisco come obiettivo quello di imparare a conoscermi e ascoltarmi sempre meglio facendo così in modo di compiere ciò che è veramente giusto per me in ogni momento della vita.

kringle pesto di zucca 0333Mi spiego meglio: fissarsi troppo su degli aspetti secondo me implica una certa forzatura e si rischia di viverli male ottenendo l’effetto opposto. Penso che semplicemente bisognerebbe assecondare quelle che sono le nostre necessità attuali, cercando di non essere troppo duri con noi stessi. E ve lo scrive una che ha sempre avuto tanta autodisciplina, a volte troppa. Con gli anni ho capito però che la miglior cosa , come sempre, sta nel giusto equilibrio. E anche per questo motivo dopo la pausa natalizia del blog ho deciso di continuare a pubblicare le mie ricette senza seguire il filone del “facciamo tutti la dieta post feste”. Siamo persone adulte e siamo in grado di regolarci. Se sentiamo di doverci rimettere un pochino in forma è giusto farlo, ma se invece abbiamo voglia di regalarci una coccola sfornando una bella torta… facciamolo e chi se ne importa se nei buoni propositi ci eravamo prefissati di fare dieta a tutti i costi… non dimentichiamoci mai che il senso di colpa è il veleno della vita!
kringle pesto di zucca 01 1
E così tutta questa premessa era per dire che io non ho scritto una lista di buoni propositi se non quello appunto di tentare il più possibile di fare ciò che mi fa stare bene scacciando il senso di colpa quando questo bussa alla porta. E così, se avrò voglia di un dolce da mangiare a colazione lo farò e se invece il giorno successivo avrò voglia di sentirmi più in forma, cercherò di farlo. Ma quello che di sicuro proverò  sempre a fare nel nuovo anno, sarà di leggere il bello e il buono della vita anche quando questa è dura e ti sottopone a delle prove che volentieri eviteresti. E lo farò regalandomi ogni giorno almeno due cose che faranno star bene me o le persone che amo. Potrà essere un bel film in tv, una passeggiata nel bosco con Giotto, una telefonata con un’amica. E per perseverare con questo obiettivo ho deciso che terrò un quadernino dove, prima di andare a letto, mi appunterò le mie due cose belle delle giornata per dare loro ancora più valore.
Una buona giornata a voi e alla prossima ricetta!

INGREDIENTI per 2 stampi da plumcake
  • 500 g di farina per treccia (o vedi consigli)
  • 20 g di lievito fresco di birra
  • 1 uovo
  • 250 ml di acqua
  • 2 cucchiaini di zucchero
  • 8 g di sale
  • 150 g di zucca cotta
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • 1 cucchiaio di pinoli
  • 1 cucchiaio di semi di zucca
  • rosmarino, salvia (freschi)
  • olio d’oliva, sale, pepe


PREPARAZIONE

Sciogliere il lievito con lo zucchero in 200 ml di acqua a temperatura ambiente.
Nel frattempo mettere la farina in una ciotola e aggiungere l’acqua con lo zucchero e il lievito disciolti.
Iniziare ad impastare e poi unire l’uovo leggermente sbattuto. Da ultimo aggiungere la rimanente acqua nella quale si sarà fatto disciogliere il sale.
Impastare fino ad ottenere un panetto liscio ed omogeneo.
Coprire l’impasto con pellicola alimentare a far lievitare per un paio di ore (o fino al raddoppiamento del volume).

Mentre l’impasto lievita preparare il pesto frullando la zucca con il parmigiano grattugiato, con i pinoli e i semi di zucca precedentemente fatti tostare, qualche foglia di salvia, qualche ago di rosmarino, una macinata di pepe, un pizzico di sale e un filo di olio.

Dividere l’impasto in due parti uguali e stendere ciascuna parte con un matterello ad uno spessore di un paio di millimetri ottenendo così due rettangoli. Ripartire il pesto sui due rettangoli lasciando un bordo di un paio di centimetri. Arrotolare poi l’impasto sul lato più lungo. Ripetere l’operazione anche con l’altro rettangolo. Tagliare per il lungo il primo rotolo a metà e intrecciare. Ripetere l’operazione anche con il secondo rettangolo. Trasferire il kringle così ottenuto in una teglia da plumcake foderata con carta forno. Ripetere anche con il secondo kringle. Cuocere nel forno preriscaldato e termoventilato a 180°C per 40-45 minuti.
Servire con formaggi e salumi.

Consigli

– per ragioni di praticità con le dosi indicate escono due kringle. Se dovesse risultare troppo, potrete o dimezzare le dosi o sfornarli entrambi e congelarne uno.

-il pesto di zucca è ottimo anche per condire una pasta (allungandolo con un paio di cucchiai di acqua di cottura)

-al posto di questo pesto di zucca potrete usare qualsiasi altro pesto (ad esempio di erbette o pomodori secchi)

-se non riuscite ad acquistare la farina per treccia potrete usare metà quantitativo di farina 00 e metà di manitoba
[printfriendly]

Condividi

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *